Tortini di cioccolato col cuore morbido (Contest)

Buonasera! Non sono impazzita, so che questa ricetta è già stata postata tempo fa, ma si dà il caso che la dolcissima Alessia di Pan di Zenzero abbia indetto un bel contest, davvero carinissimo ed originale: non solo occorre pubblicare le ricette (dolci) con cui si vuole partecipare, ma anche la descrizione del nostro “luogo” dei sogni, il locale che vorremmo creare oppure quel locale dove andiamo sempre e che amiamo tanto. Quindi, per ora, ho deciso di partecipare con questa semplicissima ricetta e spero di creare qualche altro pasticcio da proporle entro il termine del contest; di seguito trovate la descrizione del mio locale da sogno, mi scuso in anticipo per la noia che costringerà l’eventuale malcapitato lettore (e la povera Alessia!) ad appisolarsi sulla tastiera del pc 🙂 grazie per l’attenzione e buona lettura!

“A metà di via Sienna comincia ad intravvedersi la bellissima piazza medioevale di Cracovia, Rynek Głowny, e si percepiscono i profumi più disparati ed “internazionali”: kebab, pizza, panini, ma dalle vetrine dei ristoranti e dei “bar mleczny” (piccole trattorie tipiche polacche) si possono intravvedere i piatti tipici del posto, dai pierogi al bigos, alla szarlotka. E giunti finalmente nella piazza, al cui centro sorge il Mercato dei Tessuti e subito dietro la Basilica di Santa Maria, proprio sulla destra, tra alcuni negozi di vestiti, immagino il mio locale. E’ un piccolo cafè, si vede che non ha molte pretese, se non quelle di accogliere chi ha voglia di riposare dopo aver visitato la città o chi vuole bere un caffè al volo prima di tornare a casa dopo una giornata di lavoro. Un vero caffè espresso italiano, però!
Nella vetrina si trovano tre ripiani colorati, di un arancione pastello molto tenue, su cui sono disposte alcune alzatine, su cui sono posati cupcakes coloratissimi, torte ed altri dolcetti, ma si vedono anche confezioni di muffins, biscotti e cioccolatini, e poi nastri colorati e anche qualche libro, all’apparenza tutto un po’ in disordine. Attraverso la vetrina e la porta in vetro, dai profili di legno scuro, si intravvede sulla sinistra un piccolo banco in legno celeste con tre o quattro alti sgabelli e dietro di esso l’attrezzatura da bar, sulla destra un tavolino alto con altri due sgabelli, bianco e lucido. L’entrata (adatta a chi di corsa vuol bere un buon espresso o fare una colazione a base di brioche, tè o succhi di frutta) non è molto spaziosa, ma si passa agevolmente tra il banco ed il tavolino per giungere in uno spazio più ampio, una sala dalle pareti di un giallo chiarissimo: appese a queste, diverse fotografie di paesaggi, animali e persone, quelli che più mi stanno a cuore e che ho scelto di mostrare dalla mia collezione di immagini personali. Lungo la parete sinistra si allunga un altro banco in legno celeste con una lunga vetrinetta, dove sono esposti i dolci, ed infondo un altra piccola attrezzatura da bar, per permettere ai clienti che possono fermarsi qualche minuto di più di scegliere con tranquillità un dolcetto e ordinare un caffè o una cioccolata calda. Dietro al banco si apre una porticina in legno scuro che porta ad una spaziosa e attrezzata cucina. Appoggiati alla parete di fondo vi sono un paio di divanetti bassi, dai profili di legno scuro con morbidissimi cuscini colorati, e davanti ad essi due tavolinetti altrettanto bassi. Lungo la parete destra invece si snoda una bellissima libreria (occupa quasi tutta la parete!) in legno scuro, di foggia antica, sui ripiani della quale si possono trovare libri in diverse lingue, italiana, inglese, polacca, francese, russa, e di diversi generi, dai grandi classici ai gialli ai romanzi rosa. Al centro della sala ci sono 8 tavolini rotondi in legno, robusti e di un bel celeste simile a quello del banco, al centro dei quali si apre un cerchio di vetro, a scoprire il “doppio fondo” dei tavoli, in cui ho disposto nastri e bottoni colorati, miniature di dolcetti in fimo (create da me) e alcuni cartoncini colorati con i miei aforismi preferiti, scritti nelle poche lingue che conosco. Le sedie, di un chiarissimo verde mare, sono anche queste in legno, ma sembrano meno robuste dei tavoli, hanno linee delicate e morbidi cuscini al centro. Il profumo è lo stesso che c’è nella mia cucina, quella della mia famiglia in Italia: profumo di torte appena sfornate, di dolcetti fritti e d’amore.”

Ingredienti per 6/7 stampini in alluminio:

150 g cioccolato fondente
140 g burro
100 g zucchero
30 g farina “00″
3 uova
Zucchero a velo per guarnire

Tagliare il cioccolato fondente a pezzi, quindi trasferirlo in una ciotola/pentolina con il burro spezzettato e lo zucchero; sciogliere a bagnomaria in una pentola o nell’apposito tegame, mescolando di tanto in tanto. Una volta sciolto il tutto, togliere dal fuoco e lasciare intiepidire.

Aggiungere le uova, una alla volta, e la farina setacciata, mescolando energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo.

Ungere 6 stampini con burro e farina, quindi versarvi il composto di cioccolato suddividendolo equamente. Coprire con carta d’alluminio e far riposare in freezer per 2 ore.

Trascorso questo tempo togliere la carta d’alluminio, trasferire gli stampini in forno e cuocere a 220° per circa 15 minuti.

Sfornare e lasciar raffreddare. Togliere dagli stampini, impiattare e cospargere di zucchero a velo.

P.S. Secondo me sono molto più buoni se passati nel microonde qualche secondo prima di esser serviti! 😉



2 thoughts on “Tortini di cioccolato col cuore morbido (Contest)”

  • I tuoi tortini sono veramente stupendi!!
    e che dire del tuo racconto..mi ha colpito tantissimo!! l’ho letto tutto di un fiato e l’ho adorato..in ogni particolare! altro che annoiarmi!
    brava..veramente bello! sono contenta che il mio contest ti abbia ispirato tale bellezza e un racconto con così tanti particolari! 😀

    non conosco nè la polonia nè cracovia..tu vivi lì?

    un bacione, grazie mille per la ricetta e il racconto..aggiunto il link nella pagina del contest! 😀

    • Sono contenta che ti siano piaciuti sia la ricetta che il racconto!! 🙂 Soprattutto il secondo mi imbarazzava non poco… 😀
      No no, vivo in Italia, ma studio polacco da 4 anni all’università! Purtroppo finora sono stata a Cracovia solo per 2 settimane circa un anno fa, ma me ne sono innamorata e sto facendo di tutto per tornare in Polonia al più presto 😀
      Grazie a te per avermi permesso di partecipare al contest, ne sono davvero felice!! Un bacione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.