Gnocchi alla Romana

Gnocchi alla Romana

Sono iniziate le lezioni e si vede, non ho tempo per fare assolutamente nulla, nemmeno le pulizie di casa!
Non ricordo di averlo scritto prima e se l’ho fatto dovrete perdonare la mia pessima memoria, ma non si tratta di lezioni universitare, non ho mica ripreso a studiare. Sono, anzi, dall’altra parte della “barricata” e… niente, è semplicemente fantastico. Insegnare italiano per me significa quello che tutti si augurano una volta diventati grandi: significa avere un lavoro che mi piace, mi rende felice e non mi stanca (quasi) mai. Certo, anche se questo significa, in pratica, avere pochissimo tempo libero. Questo si ripercuote anche sui miei esperimenti culinari, che devo limitare ai weekend, ma forse non è poi così male: meno calorie ingurgitate impunemente con la scusa del “devo vedere se è buono prima di pubblicare la ricetta!” (l’Ammiratore Misterioso potrebbe ingurgitarle anche tutti i giorni. Il maledetto ha un metabolismo di ferro… ma prima o poi gli cederà la tiroide ed io sarò lì ad assistere alla sua disfatta 😀 ).

Comunque, visto che ci ho messo tre settimane a mettermi al pc per scrivere la ricetta degli gnocchi alla romana forse è il caso che la smetta di dire sciocchezze e passi ai fatti. Si tratta di una ricetta di famiglia che la mamma custodisce nel suo famoso quadernino ormai ridotto a brandelli e di cui mi sono fatta inviare la foto (sfocata come al solito, grazie mamma! 😀 ) qualche tempo fa per tentare l’impossibile: preparare gli gnocchi alla romana senza avere un piano d’appoggio abbastanza grande su cui stendere l’impasto nè l’opzione grill per fargli fare la loro buonissima crosticina sopra. E` andata meglio di quanto pensassi e, nonostante nelle foto sembrino pallidi come fantasmi e non ci sia in effetti la crosticina, con mia grande soddisfazione sono venuti piuttosto bene.

Inutile dire che, però, gli gnocchi alla romana della mamma rimangono i migliori sulla faccia della Terra 🙂

Ingredienti per due/tre persone:

1 l di latte intero
80 g di burro + quello necessario alla guarnizione
250 g di semolino
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano grattugiato + quello necessario alla guarnizione
3 tuorli d’uovo
Sale
Noce moscata

In una pentola capiente scaldare il latte e quando sta per raggiungere il bollore versare a pioggia il semolino, mescolando continuamente con un cucchiaio. Cuocere a fuoco medio-basso per circa 10 minuti, mescolando frequentemente. Dopo una decina di minuti l’impasto per gli gnocchi si sarà indurito, quindi spostare la pentola sul piano da cucina e aggiungere, mescolando, il burro ed un tuorlo d’uovo alla volta, incorporando bene prima di aggiungere il successivo. Aggiungere anche il parmigiano, il sale e la noce moscata. Una volta incorporati tutti gli ingredienti porre l’impasto direttamente sul piano da cucina e con un mattarello umido stenderlo ad uno spessore di circa 0,5 cm. Con l’aiuto di uno stampino rotondo o di un bicchiere formare gli gnocchi e porli in una teglia da forno precedentemente imburrata. Lavorare rapidamente con le mani i rimasugli di impasto avanzati e ripetere l’operazione fino ad esaurirlo completamente.
Cospargere la superficie degli gnocchi con fiocchetti di burro e un’abbondante spolverata di Parmigiano. Infornare in forno preriscaldato a 180° per una decina di minuti, azionando fin da subito l’opzione grill. Togliere la teglia dal forno quando gli gnocchi avranno raggiunto il grado di doratura desiderata e servire immediatamente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.