Tagliatelle al profumo di Basilico

Tagliatelle al profumo di Basilico

Eccomi tornata dalla mia adorata Cracovia! E’ stata una settimana davvero densa, ho raccolto moltissime informazioni per la mia futura tesi di laurea e sono molto soddisfatta e contenta di aver avuto la possibilità di recarmi di persona all’università Jagellonica per fare “ricerca”.
Trascorsa questa “vacanza” non rimane altro che postare una nuova ricetta, estiva e molto semplice: le tagliatelle al profumo di basilico infatti si preparano in pochissimo tempo, sono delicate e ottime con un sugo di pomodoro fresco (come quello che presto apparirà su questi schermi! 😛 ), davvero perfette per un pranzo primaverile/estivo. La quantità di basilico ovviamente è variabile: se volete tagliatelle più verdi e dal gusto più deciso non dovete far altro che aggiungerne qualche foglia!

001copiaIngredienti per 4 persone:

10 g circa di basilico
350 g di farina + farina extra
2 uova
1/2 tazzina d’acqua fredda
Sale q.b.

Nel mixer porre le foglie di basilico lavate ed asciugate con un pugno o due di farina (extra), quindi frullare finchè il basilico non sarà ridotto quasi in polvere. tagliatellebasilico+sugofresco 005Sul piano di lavoro porre i 350 g di farina a fontana, quindi al suo interno mettere il basilico tritato, le uova ed il sale. tagliatellebasilico+sugofresco 006Con l’aiuto di una forchetta iniziare a mescolare gli ingredienti all’interno della fontana, incorporando poco a poco la farina dai bordi della fontana. Impastare gli ingredienti, aggiungendo l’acqua per amalgamarli meglio ed ottenere un impasto compatto, ma morbido. tagliatellebasilico+sugofresco 007Formare una palla con l’impasto e tagliarlo a fette di circa 1 cm di spessore. Con l’aiuto della sfogliatrice (la mitica “Nonna Papera”!) passare una ad una le fette di pasta fino ad ottenere lo spessore desiderato (per me il penultimo gancio). tagliatellebasilico+sugofresco 008 tagliatellebasilico+sugofresco 009Passare ogni fetta nell’apposito “scomparto” per le tagliatelle: una volta pronte dovranno essere infarinate e possibilmente coperte con un panno (se avete spazio, d’estate io di solito le metto in frigorifero) fino al momento della cottura.003copia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.