Placki Ziemniaczane – Frittelle di patate

Placki Ziemniaczane – Frittelle di patate

Tra me e le placki ziemniaczane è stato amore a prima vista. Le ho adorate fin dal mio primo viaggio in Polonia e ho provato a farle anche un paio di volte a casa in Italia, con scarsi risultati.
Finchè una collega dell’ufficio in cui lavoravo fino a poco tempo fa qui a Cracovia non mi ha sentito tessere le lodi di questo piatto versatile e saporito: un giorno mi ha fatto una sorpresa e mi ha portato un contenitore pieno di placki al lavoro! Non vi dico com’erano buone quelle frittelle fatte in casa, se possibile ancor di più di quelle che avevo assaggiato nei ristoranti polacchi. E da lì è nata la tradizione: ogni tanto questa collega mi mandava un messaggio la sera dicendomi di non portarmi il pranzo il giorno successivo perché stava preparando le placki ziemniaczane per entrambe.
Alla fine mi sono fatta dare la ricetta (che come vedrete a fondo pagina, non è farina del suo sacco) e ho provato a fare a casa a Cracovia: non vi dico quante ne ha mangiate l’Ammiratore Misterioso! Pensavo sarebbe esploso 🙂 Noi le abbiamo mangiate lisce, solo con un pizzico di sale, ma vengono servite anche dolci (basta cospargerle con lo zucchero a fine cottura), con panna acida o salsa ai funghi, oppure come accompagnamento al gulasch. Provatele e non ve ne pentirete!

Ingredienti per circa 12 frittelle:

1/2 kg di patate
1/2 cucchiaio di farina
1/4 di cipolla (per me scalogno)
1 uovo
Sale q.b.
Olio di semi di girasole o arachide

Sbucciare le patate e grattugiarle sui fori più piccoli della mandolina (se avete il robot da cucina con la funzione di grattugia usatelo<. le vostre dita ve ne saranno grate, le mie ne sono uscite a forellini 😛 ), ponendole in un contenitore basso e piatto leggermente inclinato. Lasciarle riposare 5 minuti senza mescolarle per far sì che rilascino l’amido.

Trascorso questo tempo colare l’amido rilasciato dalle patate tenendole ferme con una mano e schiacciandole leggermente. Aggiungere la farina, la cipolla tritata, l’uovo e due pizzichi di sale, amalgamando bene gli ingredienti con l’aiuto di un cucchiaio.

Versare un po’ d’olio nella padella, scaldarlo bene e iniziare a friggere le frittelle: prendere un cucchiaio di composto, porlo nella padella e schiacciarlo delicatamente con il cucchiaio, dando alla frittella una forma tondeggiante e piatta (piuttosto sottile). Cuocere per 2-3 minuti fino a doratura, poi girare la frittella con l’aiuto di una spatola e completare la cottura.

Porre le frittelle ben dorate su un piatto coperto da carta assorbente e ripetere il procedimento fino ad esaurimento del composto di patate.
Servire subito le placki ziemniaczane, ancora calde e croccanti.

NOTA
Le frittelle possono essere conservate (una volta fredde) in un contenitore ermetico e consumate il giorno successivo, riscaldandole brevemente al microonde o nel forno: perdono un po’ di croccantezza, ma il sapore rimane immutato.

La ricetta è del blog Kwestia Smaku.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.