Leniwe – Gnocchi di formaggio polacchi

Leniwe – Gnocchi di formaggio polacchi

La cucina polacca non solo nasconde sapori e profumi diversi e talvolta inaspettati per noi italiani, ma è anche “creativa” dal punto di vista linguistico: gli gnocchetti di formaggio di cui voglio parlarvi oggi si chiamano leniwe, ovvero pigri.

Il motivo è molto semplice: sono fatti solo con farina, uova e formaggio, riunendo in sé gli ingredienti principali dei più “ricchi” pierogi. In effetti i classici pierogi al formaggio sono composti da una sfoglia esterna (farina e uova) e ripieni, appunto di formaggio tipo quark (il twaròg). Ingredienti semplici e facilmente reperibili, certo, ma la preparazione di questi buonissimi ravioloni è piuttosto lunga e laboriosa.

E allora, si dice, sono nati così i leniwe: dalla pigrizia! Impastare tutti insieme gli ingredienti e tagliare gli gnocchetti è infatti molto semplice e, soprattutto, veloce 🙂 Sono perciò il primo piatto perfetto per portare in tavola una pietanza diversa dal solito, senza però dedicare troppo tempo alla sua preparazione.
In Polonia sono serviti sia come (primo) piatto dolce, accompagnati da panna montata, oppure con zucchero e cannella, sia come piatto salato insieme a panna acida oppure burro e pangrattato saltato in padella.

Che li serviate dolci o salati, una cosa è certa: dopo averli provati ve ne innamorerete! 🙂

La ricetta è tratta dal blog Kwestia Smaku.

Ingredienti per 2 persone:

300 g di twaròg o formaggio quark
1 uovo
1 cucchiaio di fecola di patate
1/2 bicchiere circa di farina 00
Sale

Condimento: pangrattato, burro

Per prima cosa passare in un setaccio il formaggio, affinché non rimangano grumi. Impastare quindi insieme tutti gli ingredienti il più velocemente possibile, finchè non saranno completamente amalgamati. L’impasto deve risultare compatto, ma comunque umido (se il formaggio assorbisse troppo facilmente la farina, è possibile aggiungere 1 cucchiaio o 2 di quest’ultima).

Dalla pallina di impasto staccare un pezzo e, con il palmo di una mano, farlo “rotolare” sul piano di lavoro leggermente infarinato fino a formare una striscia di pasta.

Con la lama di un coltello schiacciare la striscia d’impasto, quindi tagliarla diagonalmente per formare gli gnocchetti. Ripetere tutte le operazioni fino a terminare la pasta.

Se si desidera servire gli gnocchetti come ho fatto io, basta saltare in padella un paio di cucchiai di pangrattato fino a doratura, quindi aggiungere due pezzetti di burro e far sciogliere, formando una sorta di sabbia bagnata.

Gettare gli gnocchetti in acqua bollente salata. Saranno pronti non appena torneranno in superficie. Raccoglierli con una schiumarola, metterli nel piatto e condire con il pangrattato e il burro (lo ammetto: io ne ho aggiunto una piccola noce anche nel piatto). Buon appetito, smacznego!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.